Dichiarazione dei redditi 2024 - Studio C.D.L. Associati
Scadenze cruciali per la dichiarazione dei redditi 2023: Modello 730 e REDDITI entro il 30 settembre 2024. Evitate sanzioni e ritardi con il corretto adempimento fiscale. Invio documentazione entro il 30 aprile 2024. Lo Studio Sartor Alberto a Padova è a disposizione per supportarvi
Scadenze dichiarazioni dei redditi, Modello 730, Dichiarazione redditi, Adempimento fiscale, Studio Sartor Alberto, Consulente del lavoro, Documenti necessari dichiarazione redditi, Spese detraibili dichiarazione redditi, Conguaglio e rimborsi, Documentazione fiscale
17566
post-template-default,single,single-post,postid-17566,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-7.6.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive
 

Dichiarazione dei redditi 2024

28 Mar Dichiarazione dei redditi 2024

Carissimi clienti,

Vi segnaliamo le scadenze importanti per la presentazione delle dichiarazioni dei redditi relative all’anno d’imposta 2023

  • Modello 730: entro il 30 settembre 2024
  • Dichiarazione modello REDDITI: entro il 30 settembre 2024

È essenziale rispettare questi termini per evitare sanzioni o ritardi nei conguagli. Ricordatevi che il corretto adempimento fiscale è fondamentale per mantenere la regolarità con l’Agenzia delle Entrate.

Conguaglio e rimborsi

Secondo il comma 1, lettera d), del D.L. n. 124/2019, il conguaglio (rimborso del credito o pagamento del saldo delle tasse risultante dal mod. 730) avviene in base alla data di presentazione della dichiarazione e alla conclusione delle operazioni di assistenza fiscale.

Per i lavoratori dipendenti, il conguaglio verrà effettuato sulla prima retribuzione utile, mentre per i pensionati a partire dal secondo mese successivo alla ricezione dei dati di liquidazione.

Invio documentazione

Per facilitare il processo, vi preghiamo di inviarci la documentazione necessaria entro e non oltre martedì 30 aprile 2024, tramite e-mail all’indirizzo: amministrazione@sartorsrl.it oppure consegnandola direttamente presso il nostro Studio in via Carlo Rezzonico n. 6 a Padova.

 

DOCUMENTI NECESSARI PER COMPILARE LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI

 

Per facilitare la compilazione della dichiarazione dei redditi, abbiamo bisogno di alcuni documenti essenziali:

1. Dati del contribuente

  • Fotocopia del documento di identità e del codice fiscale del contribuente, del coniuge e dei familiari a carico (anche per i familiari extracomunitari).
  • Quietanze di pagamento mod. F24 (non necessarie se lo studio ha presentato i pagamenti dei modelli F24).
  • Dati del datore di lavoro attuale che effettuerà il conguaglio o, in alternativa, il codice IBAN per l’accredito dell’eventuale rimborso Irpef.

 

2. Redditi di lavoro dipendente/pensione e assimilati

  • Certificazione Unica per il lavoro dipendente o ogni altra certificazione delle ritenute subite e dei relativi redditi.
  • Certificazione Unica per il lavoro autonomo o certificazione rilasciata dal committente con indicazione delle ritenute subite e dei redditi.
  • Certificato delle pensioni estere.
  • Mod. CUPE per gli utili corrisposti da società.
  • Assegni periodici percepiti dal coniuge in base a sentenza di separazione o divorzio.
  • Attestazione del datore di lavoro delle somme corrisposte a COLF o BADANTI

 

3. Altri redditi

  • Corrispettivi per la lottizzazione di terreni o cessione di immobili avvenuti negli ultimi 5 anni.
  • Redditi diversi percepiti dagli eredi.

 

4. Terreni e fabbricati

  • Visura catastale.
  • Atti o contratti di compravendita, donazione, divisione, successione.
  • Contratti di locazione.
  • Copia bollettini/F24 di versamento Tasi/IMU pagati nel 2022 (non necessari se lo studio ha presentato i pagamenti dei modelli F24).
  • Documentazione relativa alla cedolare secca, se applicabile.

 

 

5. Spese Detraibili o Deducibili per la Dichiarazione dei Redditi

È importante ricordare che per ottenere la detrazione fiscale, è obbligatorio utilizzare strumenti di pagamento tracciabili

 

Casa

  • Contratto di locazione, per le persone che vivono in affitto.
  • Quietanza di versamento degli interessi per mutui casa, atto di acquisto, atto di mutuo.
  • Fatture pagate al notaio per l’atto di acquisto e la stipula del mutuo stesso, copia pagamento tracciabile (versamento bancario, postale, bancomat, carta di credito).
  • Fattura pagata ad agenzie immobiliari per l’acquisto della prima casa, copia pagamento tracciabile (versamento bancario, postale, bancomat, carta di credito).
  • Acquisto abitazione principale in leasing Contratto di leasing, Certificazione rilasciata dalla società di leasing attestante ammontare dei canoni pagati:
  • Autocertificazione nella quale si dichiara di aver adibito l’immobile ad abitazione principale entro un anno dalla consegna
  • Per acquisto abitazione principale: contratto di acquisto dell’immobile, contratto di mutuo, ricevute quietanzate dalla banca relative alle rate di mutuo pagate ed eventuali altri oneri, fatture del notaio e dell’intermediario.
  • Per la costruzione o ristrutturazione dell’abitazione principale: contratto di mutuo, ricevute quietanzate dalla banca, fatture relative ai lavori eseguiti, concessione edilizia, comunicazione inizio e fine lavori.
  • Bonus Facciate (fatture e relativi bonifici “parlanti”, certificato di destinazione urbanistico zona A o B o dichiarazione sostitutiva di atto notorio).
  • Spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio:
    • Per interventi condominiali: dichiarazione dell’amministratore condominiale;
    • Per acquisto o costruzione di box auto pertinenziale: acquisto: atto di acquisto, dichiarazione del costruttore con indicazione del costo di costruzione; costruzione: permesso a costruire, fatture e bonifici, dati catastali nuovo box auto.
    • Spese di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio per le quali compete la detrazione del 55%-65% (Fatture e relativi bonifici “parlanti”, asseverazione di un tecnico abilitato ovvero certificazione dei produttori per infissi e pannelli solari; attestazione di certificazione energetica; scheda informativa sugli interventi realizzati; mail conferma invio all’Enea).
    • Spese per il “Bonus Verde” (Fatture e bonifici di pagamento o ricevuta pagamento carta di credito/bancomat + estratto conto banca/carta di credito dove compaia la spesa)
    • Bonus arredo per immobili ristrutturati (le spese sostenute devono essere state effettuate tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2023):
      • documentazione che attesti l’avvio delle opere di ristrutturazione, fatture relative alle spese sostenute per l’arredo con l’indicazione della natura, qualità e quantità dei beni e servizi acquisiti.
      • ricevute dei bonifici bancari o postali relativi al pagamento delle fatture, ricevute di avvenuta transazione per i pagamenti mediante carte di credito o di debito, documentazione di addebito sul conto corrente
      • per la verifica dei requisiti degli elettrodomestici, va fatto riferimento alle nuove etichette energetiche ed è necessaria la classe non inferiore alla “A” per i forni, “E” per le lavatrici, asciugatrici e lavastoviglie e la classe “F” per frigoriferi e congelatori
  • Superbonus 110% (fatture e relativi bonifici “parlanti”).
  • PATRIMONIALE (IVIE – IVAFE) e MONITORAGGIO (RW) su investimenti all’estero al 31/12:
  • Immobili (IVIE): valore di acquisto o di successione o di mercato (perizia). Per paesi UE regole diverse paese per paese
  • Attività finanziarie es.: c/c bancari, partecipazioni (IVAFE): valore al 31 dicembre (di mercato o nominale). Per i c/c calcolo giacenza media annua
  • Eventuale documentazione attestante la richiesta e l’ottenimento del “Bonus prima casa under 36”.

 

Figli

  • Spese dei figli tra 5 e 18 anni per attività sportive dilettantistiche (Fattura o ricevuta di pagamento per iscrizioni o abbonamento ad associazioni sportive dilettantistiche, palestre,

piscine o altri impianti sportivi).

  • Contratti di locazione pagati per studenti universitari fuori sede o convitti (Contratto di locazione stipulato ai sensi della legge 431/1998, registrazione, ricevuta.
  • Spese per asilo nido e scuola d’infanzia/materna (Fattura o ricevuta attestante la spesa per frequenza di un asilo nido (pubblico o privato) o scuola d’infanzia sostenuta dai genitori).
  • Spese per istruzione da materna fino scuola secondaria superiore (Ricevute versamento tasse iscrizione, contributi volontari e obbligatori, mensa, servizi integrati).
  • Spese istruzione universitaria e specializzazione (Ricevute di versamento tasse iscrizione, tassa per test accesso e tasse per frequenza SSIS, master e specializzazioni).
  • Spese per l’iscrizione e l’abbonamento di bambini e ragazzi tra 5 e 18 anni a scuole di musica, conservatori e cori, bande e scuole di musica riconosciute.

 

Ex coniuge

  • Assegni periodici versati o percepiti dall’ex coniuge
  • Sentenza di separazione
  • Codice fiscale dell’ex coniuge

 

Assicurazione e previdenza

  • Contratto stipulato e quietanza di versamento assicurazione
  • Vita
  • Infortuni
  • Rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana a tutela delle persone con disabilità grave
  • Rischio di eventi calamitosi su unità immobiliari ad uso abitativo
  • Contributi versati per assicurazione obbligatoria INAIL contro gli infortuni domestici (assicurazione casalinghe)
  • Ricevute versamento contributi previdenziali obbligatori o facoltativi
  • Quietanza di versamento a Fondi di previdenza complementare
  • Contratto stipulato e quietanza di versamento assicurazione aventi per oggetto il rischio di eventi calamitosi, stipulate contestualmente alla cessione ad un’impresa di assicurazione del credito di imposta relativo agli interventi sisma bonus agevolati al 110%

 

Spese mediche

  • Parcelle per visite mediche generiche o specialistiche
  • Scontrini della farmacia (ticket, farmaci da banco, medicinali, omeopatia)
  • Spese odontoiatriche o oculistiche (occhiali, lenti a contatto e liquidi)
  • Documentazione attestante la marcatura CE dir. 93/42/CEE per i dispositivi medici (inclusi occhiali da vista)
  • Ticket ospedalieri/sanitari o per esami di laboratorio
  • Ricevute per interventi chirurgici, degenze e ricoveri
  • Ricevute per acquisto protesi sanitarie
  • Ricevute per spese sanitarie sostenute all’estero
  • Spese per acquisto strumenti e sussidi per soggetti con DSA (diagnosi di disturbo specifico apprendimento)
  • Spese sanitarie per portatori di handicap (Fatture per acquisto di presidi medici, assistenza domiciliare, assistenza specifica presso casa di cura, acquisto autoveicoli, acquisto cane guida, certificazione medica comprovante l’handicap, ad es. L.104/92)
  • Spese per veicoli per i portatori di handicap (autoveicoli o motoveicoli)
  • Assistenza personale per soggetti non autosufficienti (Fattura o ricevuta di pagamento o CU/buste paga badante, certificazione medica attestante la non autosufficienza (ASL o medico curante)
  • Spese veterinarie (Fatture/ricevute fiscali, scontrini fiscali per i farmaci, copia pagamento tracciabile: versamento bancario, postale, bancomat, carta di credito)
  • Cure termali: fattura, prescrizione medica

 

Altro

  • Erogazioni liberali (Ricevuta di versamento postale o bancario o carta di credito a favore di: clero, Chiese, ONLUS, società mutuo soccorso, enti promozione sociale, ONG, ecc.)
  • Ricevute versamenti contributivi all’INPS per lavoratori domestici (MAV/PAGO PA)
  • Tasse consortili (consorzi di bonifica)
  • Spese funebri (fattura e ricevuta di pagamento
  • Abbonamento trasporto pubblico (copia abbonamento, tessera, ricevute pagamento abbonamento)
  • Contributo scolastico (versamento effettuato a nome del genitore e NON DELLO STUDENTE). Ricevuta della scuola o ricevuta di versamento postale/bancaria attestante la somma versata, la causale (innovazione tecnologica, edilizia scolastica o ampliamento offerta formativa)
  • Documentazione relativa a crediti d’imposta (es. social bonus, per l’attività fisica adattata, per accumulo di energia da fonti rinnovabili, erogazioni liberali a favore delle Fondazioni ITS Academy, sport bonus, bonus acqua potabile ecc.)

 

Lo Studio rimane a disposizione per ogni ulteriore chiarimento.

 

Studio Sartor Alberto – Consulente del lavoro