Dichiarazioni dei redditi 2020 - Studio C.D.L. Associati
Gentili clienti, A partire dal 2020 l’invio del Modello 730 da parte degli intermediari deve avvenire entro il 30 settembre 2020. Il comma 1, lettera d), D.L. n. 124/2019, ha previsto che il conguaglio (rimborso del credito oppure il pagamento del saldo delle tasse risultante dal mod. 730) possa avvenire con termine non prestabilito ma a seconda della data di presentazione della dichiarazione e della data di conclusione delle operazioni di assistenza fiscale. Il conguaglio potrà dunque essere effettuato: sulla prima retribuzione utile e comunque sulla retribuzione di competenza del mese successivo a quello in cui il sostituto d’imposta ha ricevuto il prospetto di liquidazione, nel caso di lavoratori dipendenti (esempio: 730 inviato il 30/09/2020 va rimborsato nella busta paga relativa al mese di ottobre o massimo novembre) a partire dal secondo mese successivo a quello del ricevimento dei dati di liquidazione, nel caso di soggetti pensionati (esempio: 730 inviato il 30/09/2020 va rimborsato con la pensione di novembre o massimo dicembre)
Dichiarazione dei redditi 2020, Redditi, 730/2020, Covid-19
17248
post-template-default,single,single-post,postid-17248,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-7.6.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive
 

Dichiarazioni dei redditi 2020

23 Apr Dichiarazioni dei redditi 2020

 

Gentili clienti,

A partire dal 2020 l’invio del Modello 730 da parte degli intermediari deve avvenire entro il 30 settembre 2020 mentre l’invio della dichiarazione modello REDDITI è rimasto invariato dall’anno scorso, ovvero deve avvenire entro il 30 Novembre 2020.

Il comma 1, lettera d), D.L. n. 124/2019, ha previsto che il conguaglio (rimborso del credito oppure il pagamento del saldo delle tasse risultante dal mod. 730) possa avvenire con termine non prestabilito ma a seconda della data di presentazione della dichiarazione e della data di conclusione delle operazioni di assistenza fiscale.

Il conguaglio potrà dunque essere effettuato:

  • sulla prima retribuzione utile e comunque sulla retribuzione di competenza del mese successivo a quello in cui il sostituto d’imposta ha ricevuto il prospetto di liquidazione, nel caso di lavoratori dipendenti (esempio: 730 inviato il 30/09/2020 va rimborsato nella busta paga relativa al mese di ottobre o massimo novembre)
  • a partire dal secondo mese successivo a quello del ricevimento dei dati di liquidazione, nel caso di soggetti pensionati (esempio: 730 inviato il 30/09/2020 va rimborsato con la pensione di novembre o massimo dicembre)

 

Al fine di agevolare la tempestiva presentazione del mod. 730/2020 relativo al 2019 o modello Redditi/2020 relativo al 2019, fino alla cessazione dello stato di emergenza sanitaria Covid-19, potete inviarci la documentazione scansionata in uno dei seguenti modi:

  • via email all’indirizzo: elena@consassociati.it
  • via Dropbox – se avete già un’account (o se volete farlo) è sufficiente comunicarci il vostro indirizzo email per condividere la cartella dove potrete caricare i file.
  • via OneDrive – se avete già un’account (o se volete farlo) è sufficiente comunicarci il vostro indirizzo email per condividere la cartella dove potrete caricare i file.

Una volta cessata la situazione di emergenza a causa del Covid-19, potrete consegnarci la documentazione come da consuetudine, ovvero recandovi presso il nostro studio.

Chi preferisce le modalità di consegna della documentazione “online” potrà utilizzarla anche dopo il 4 Maggio, ci servirà la vostra presenza obbligatoria solo dopo l’invio delle dichiarazioni per le firme in originale, ovvero dopo il 30/09/2020.

Vi preghiamo di farci pervenire, entro e non oltre lunedì 01 Giugno 2020 la documentazione necessaria per la compilazione della dichiarazione.

 

DOCUMENTI NECESSARI PER COMPILARE LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI:

 

DATI DEL CONTRIBUENTE

  • Fotocopia codice fiscale del contribuente, del coniuge e dei familiari a carico, anche per i familiari di extracomunitari.
  • Quietanze di pagamento mod. F24 (non servono se i pagamenti dei mod. F24 ha presentato lo studio)
  • Dati del datore di lavoro che effettuerà il conguaglio
  • Fotocopia documento del dichiarante/richiedente

 

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE/PENSIONE E ASSIMILATI

  • Certificazione Unica
  • Certificato delle pensioni estere
  • Assegni periodici percepiti dal coniuge in base a sentenza di separazione o divorzio
  • Attestazione del datore di lavoro delle somme corrisposte a COLF o BADANTI

 

ALTRI REDDITI

  • Corrispettivi per lottizzazione terreni o cessione di immobili avvenuti negli ultimi 5 anni
  • Redditi diversi percepiti dagli eredi

 

TERRENI E FABBRICATI

  • Visura catastale
  • Atti o contratti di compravendita, donazione, divisione, successione
  • Contratti di locazione Legge 431/98
  • Canone da immobili affittati
  • Copia bollettini/F24 di versamento Tasi/IMU pagati nel 2019 (non servono se i pagamenti dei mod. F24 ha presentato lo studio)

Per chi ha scelto la cedolare Secca:

  • ricevuta della raccomandata inviata all’inquilino, copia del contratto, eventuale F24, modello SIRIA, Modello 69

 

ELENCO SPESE DETRAIBILI O DEDUCIBILI

 

Casa

  • Contratto di locazione, per le persone che vivono in affitto
  • Quietanza di versamento degli interessi per mutui casa, atto di acquisto, atto di mutuo
  • Fatture pagate al notaio per l’atto di acquisto e la stipula del mutuo stesso
  • Fattura pagata ad agenzie immobiliari per l’acquisto della prima casa
  • Tutta la documentazione per la detrazione della ristrutturazioni edilizie: fatture, bonifici, concessioni, autorizzazioni, comunicazioni inizio lavoro, comunicazione e la ricevuta dell’invio della documentazione all’ENEA per i lavori effettuati dal 01 Settembre 2018
  • Tutta la documentazione per spese di risparmio energetico, fatture, bonifici e la ricevuta dell’invio della documentazione all’ENEA
  • Bonus mobili per immobili ristrutturati (le spese sostenute devono essere state effettuate tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2019):
    • documentazione che attesti l’avvio delle opere di ristrutturazione, fatture relative alle spese sostenute per l’arredo con l’indicazione della natura, qualità e quantità dei beni e servizi acquisiti.
    • ricevute dei bonifici bancari o postali relativi al pagamento delle fatture, ricevute di avvenuta transazione per i pagamenti mediante carte di credito o di debito, documentazione di addebito sul conto corrente
  • Acquisto abitazione principale in leasing Contratto di leasing, Certificazione rilasciata dalla società di leasing attestante ammontare dei canoni pagati.
    • Autocertificazione nella quale si dichiara di aver adibito l’immobile ad abitazione principale entro un anno dalla consegna
  • Spese per acquisto e posa in opera di colonnine di ricarica dei veicoli elettrici a servizio di condomini o delle singole abitazioni.

 

Figli

  • Ricevute o quietanze di versamento di contributi per iscrizione ragazzi ad attività sportive dilettantistiche (palestra, piscina…)
  • Contratti di locazione pagati per studenti universitari fuori sede o convitti
  • Rette pagate per l’asilo nido
  • Spese di istruzione per la frequenza di:
    • scuole materne, elementari, medie inferiori e superiori (tasse, contributi, mensa)
    • corsi di istruzione universitaria presso università statali e non statali, tenuti presso università o istituti pubblici o privati, italiani o stranieri

 

Ex coniuge

  • Assegni periodici versati o percepiti dall’ex coniuge
  • Sentenza di separazione
  • Codice fiscale dell’ex coniuge

 

Assicurazione e previdenza:

  • Contratto stipulato e quietanza di versamento assicurazione
    • vita
    • infortuni
    • rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana a tutela delle persone con disabilità grave
    • rischio di eventi calamitosi su unità immobiliari ad uso abitativo
  • Contributi versati per assicurazione obbligatoria INAIL contro gli infortuni domestici (assicurazione casalinghe)
  • Ricevute versamento contributi previdenziali obbligatori o facoltativi
  • Quietanza di versamento a Fondi di previdenza complementare

 

Spese mediche

  • Parcelle per visite mediche generiche o specialistiche
  • Scontrini della farmacia (tickets, farmaci da banco, medicinali, omeopatia)
  • Spese odontoiatriche o oculistiche (occhiali, lenti a contatto e liquidi)
  • Documentazione attestante la marcatura CE per i dispositivi medici (inclusi occhiali da vista)
  • Tickets ospedalieri/sanitari o per esami di laboratorio
  • Ricevute per interventi chirurgici, degenze e ricoveri
  • Ricevute per acquisto protesi sanitarie
  • Ricevute per spese sanitarie sostenute all’estero
  • Spese per soggetti con diagnosi di disturbo specifico apprendimento (DSA)
  • Spese sanitarie per portatori di handicap (mezzi necessari all’accompagnamento, deambulazione, sollevamento o sussidi informatici)
  • Spese per veicoli per i portatori di handicap (autoveicoli o motoveicoli)
  • Documentazione comprovante il costo per la badante
  • Spese veterinarie

 

 Altro

  • Erogazioni liberali (Onlus, Ong, Istituzioni religiose, TRUST e Fondi Speciali, Partiti politici ed Istituti scolastici etc.)
  • Ricevute versamenti contributivi all’INPS per lavoratori domestici
  • Spese per l’acquisto di cani guida
  • Tasse consortili
  • Spese funebri
  • Abbonamento trasporto pubblico
  • Spesa sostenuta per il riscatto del periodo scoperto da contributi INPS, cosiddetta “pace contributiva”

 

 

Ringraziamo per la collaborazione

Studio C.D.L. associati di Sartor Alberto e Trivellato Patrizia

 

Download PDF