Speciale Coronavirus 2020 - Studio C.D.L. Associati
consulente del lavoro padova, studiocdl, cdl associati, commercialista padova, unico padova
17178
post-template-default,single,single-post,postid-17178,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-7.6.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive
 

Speciale Coronavirus 2020

13 Mar Speciale Coronavirus 2020

Misure per contenere i contagi

Il Governo ha emanato un nuovo decreto per fronteggiare l’emergenza del Coronavirus sull’intero territorio nazionale, con effetto dal 12 marzo al 25 marzo 2020.

Dalla data di efficacia di tale decreto cessano di produrre effetti le misure di cui al DPCM 8 marzo 2020 e DPCM 9 marzo 2020

Si riassumono in tabella le misure che devono essere adottate per contenere i contagi.

Misure da adottare

  • Sospensione di:
    • attività commerciali al dettaglio, ad esclusione delle attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità. Sono chiusi i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari. Sono aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie
    • attività dei servizi di ristorazione (bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, che garantiscono la distanza di sicurezza interpersonale di un metro. È consentita la ristorazione con consegna a domicilio. Sono aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situati lungo la rete stradale, autostradale e all’interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali, lacustri e negli ospedali garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di un metro
    • attività inerenti i servizi alla persona (parrucchieri, barbieri, estetisti)

 

  • Sono garantiti:
    • i servizi bancari, finanziari, assicurativi, l’attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro-alimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi

 

  • Per le attività produttive e quelle professionali si raccomanda:
    • il massimo utilizzo da parte delle imprese di modalità di lavoro agile per le attività che possono essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza
    • l’incentivo di ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti
    • la sospensione delle attività dei reparti aziendali non indispensabili alla produzione
    • il rispetto dei protocolli di sicurezza anti-contagio e della distanza interpersonale di un metro
    • l’incentivo delle operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro
    • per le sole attività produttive sono limitati al massimo gli spostamenti all’interno dei siti e l’accesso agli spazi comuni

 

  • Può essere disposta la programmazione:
    • del servizio erogato dalle Aziende del Trasporto pubblico locale, dal Presidente della Regione
    • dei servizi automobilistici interregionali e di trasporto ferroviario, aereo e marittimo, dal Ministro delle infrastrutture e dei trasporti di concerto con il Ministro della salute

 

  • La PA assicura lo svolgimento delle prestazioni lavorative in forma agile del proprio personale dipendente e individua le attività indifferibili da rendere in presenza

 

Lo studio rimane a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti.

Distinti saluti

Studio C.D.L. associati di Sartor Alberto e Trivellato Patrizia

Download PDF