Programmazione della vigilanza del lavoro 2017 - Studio C.D.L. Padova
consulente del lavoro padova, studiocdl, cdl associati, commercialista padova, unico padova
16395
post-template-default,single,single-post,postid-16395,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-7.6.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive
 

PROGRAMMAZIONE DELLA VIGILANZA DEL LAVORO 2017

25 Gen PROGRAMMAZIONE DELLA VIGILANZA DEL LAVORO 2017

ispettorato-del-lavoroSi informano i Signori Clienti che sono state diramate le linee guida di programmazione dell’attività dell’Ispettorato nazionale del lavoro, per l’anno 2017, definite in data 1° dicembre 2016.

Rapporti di lavoro

Di seguito si riportano le priorità nell’azione di contrasto dell’illegalità nei rapporti di lavoro:
 lavoro “nero”;
 contrasto al caporalato;
  verifica sul corretto utilizzo dei voucher;
 corretta qualificazione dei rapporti di lavoro con particolare attenzione al ricorso alle collaborazioni coordinate e continuative e alle partite Iva, in particolare nel settore dei call-center;
 lavoro nelle cooperative;
 distacco transnazionale;
 Ccnl sottoscritti da OO.SS. non rappresentative;
 tirocini.

Vigilanza previdenziale e assicurativa
Per l’anno 2017, in relazione ai profili strettamente previdenziali, saranno oggetto di verifica i fenomeni di lavoro “nero”, l’uso distorto di fattispecie contrattuali, le imprese che si presumono fittizie e l’utilizzo improprio di sgravi contributivi.
In particolare, gli ambiti prioritari di intervento a livello nazionale sono:

 aziende con dipendenti;

 lavoro fittizio e recupero prestazioni;

 grandi aziende di produzione e servizi;

 esternalizzazioni (appalti, subappalti, distacchi);

 Pubbliche Amministrazioni.

Quanto a iniziative di carattere straordinario dei c.d. NIS (Nuclei di intervento speciale), di seguito, sono riportati gli ambiti settoriali e territoriali di intervento sui quali si concentrerà l’attività dei NIS:

 lavoratori fittizi: Liguria, Lombardia, Emilia Romagna, Lazio, Marche, Umbria, Toscana, Abruzzo, Calabria, Campania e Sicilia;

 lavoro extracomunitari: Liguria, Lombardia, Veneto, Marche, Umbria, Toscana;

 agricoltura: Piemonte, Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia;

 turismo: Liguria, Emilia Romagna, Friuli, Trentino, Veneto Lazio, Toscana, Sardegna;

 cooperative: Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, Emilia Romagna, Friuli, Veneto, Lazio, Umbria, Toscana, Abruzzo, Sicilia;

 piattaforme logistiche interporti: Liguria, Toscana, Emilia Romagna, Veneto, Puglia, Sicilia, Campania, Abruzzo, Piemonte.

Per l’attività di vigilanza assicurativa per l’anno 2017 particolare attenzione sarà rivolta:

 alla verifica della corretta attribuzione della voce di lavorazione denunciata in relazione all’attività effettivamente svolta;

 all’evasione contributiva, attraverso l’incrocio sistematico dei dati Inail con quelli delle altre Amministrazioni, nei confronti delle imprese e lavoratori autonomi che, pur soggetti all’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, non risultano aver instaurato alcun rapporto assicurativo con l’Istituto.

Sono inoltre previsti accertamenti nei confronti delle aziende che negli studi di settore hanno dichiarato di svolgere una lavorazione diversa da quella denunciata all’Inail.

Vigilanza tecnica
L’azione di vigilanza tecnica, con riferimento all’ambito di competenza normativamente attribuito al personale dell’Ispettorato nazionale del lavoro, sarà principalmente mirata, anche nel corso dell’anno 2017, in via prioritaria al settore dell’edilizia, al fine di incrementare il livello di regolarità dei rapporti lavorativi anche sotto il profilo della tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, nonché di contrastare efficacemente l’allarmante fenomeno degli infortuni sul lavoro.

Lo studio rimane a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti.
Distinti saluti.

Studio C.D.L. associati di Sartor Alberto e Trivellato Patrizia

Download PDF